Personale docente

Giacomo Boesso

Professore associato confermato

SECS-P/07

Indirizzo: VIA DEL SANTO, 33 - PADOVA . . .

Telefono: 0498273844

Fax: 049 827 4221

E-mail: giacomo.boesso@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 14:00 alle 18:00
    presso Via Bassi 1 o DSEA
    solo su prenotazione tramite e-mail: giacomo.boesso@unipd.it
  • Il Mercoledi' dalle 14:00 alle 18:00
    presso Via Bassi 1 o DSEA
    solo su prenotazione tramite email: giacomo.boesso@unipd.it

Professore Associato in Economia Aziendale, Università degli Studi di Padova con afferenza al dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali “M. Fanno”.

Direttore (dal 2007) e Responsabile organizzativo (2003 - 2006) del corso “International Summer Program in Mangement (ISPM)”, joint program, Università di Padova e University of Michigan-Dearborn, USA.

Direttore (dal 2013) e Membro del Comitato Organizzatore (2006 - 2012) del "Master in Business and Management dell'Università di Padova, joint program, Università di Padova, ISIPCA e Université di Versailles (Francia).

Adjunct Lecturer in Entrepreneurship, School of Management, University of Michigan-Dearborn, USA (2004 e 2006).

Titolare di fondi di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Padova (Progetti Eccellenza Cariparo-Carimodena 2010; Progetto di Ateneo 2008; PRIN 2006; ex. 60%: 2005-2012; Convenzione FAV/ASSIFERO 2011).

Titolare di borsa di dottorato e post-dottorato presso l’Università di Padova (2000-2003) e dell’ Hartmann post-doctoral fellowship 2004, University of Michigan-Dearborn (USA).

Titolare di fondi di ricerca, nell’ambito del progetto “Giovani Ricercatori MURST 2000 e 2001”, presso il Dipartimento di Economia Politica e Aziendale dell’Università degli studi Milano.

Consulente accreditato dell’Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia (IReR) per l’analisi delle politiche abitative regionali (2002 - 2006).

PRINCIPALI PUBBLICAZIONI

(2007) Boesso G. e K. Kumar, “Drivers of Corporate Voluntary Disclosure: A framework and Empirical Evidences from Italy and the United States”, Accounting, Auditing and Accountability Journal, 20(2): pp. 269-296

(2007) Boesso G. e F. Monteduro, “Gli Strumenti di Comunicazione e Relazione con gli Stakeholder nel Trasporto Pubblico Locale: dalla Qualità alla Responsabilità Sociale”, Economia Pubblica, n. 3/4: pp. 133-153.

(2008) Monteduro F. e G. Boesso, “La Qualità delle Carte dei Servizi: un Analisi Empirica nelle Aziende di TPL”, Azienda Pubblica, n. 1: pp. 97-118

(2009) Boesso G. e K. Kumar, “An investigation of stakeholder prioritization and engagement: who or what really counts”, Journal of Accounting and Organizational Change, 5(1): pp. 62-80.

(2009) Boesso G. e K. Kumar, “Stakeholder prioritization and reporting: evidence from Italy and the US”, Accounting Forum, 33, 162-175.

(2011) Boesso G. Lo Stakeholder Reporting nei Bilanci delle Società Quotate, Giappichelli, Torino.

(2011) Boesso G., “Economicità e Accountability nel Terzo Settore” in Società e Terzo Settore. La Via Italiana, pp. 177-211, a cura di G. Silvano, Il Mulino, Bologna.

(2013) Boesso G. e F. Cerbioni, La Governance delle Fondazioni: Leader al Servizio della Filantropia, McGraw-Hill, Milano.

(2013) Boesso, G., Kumar, K. and G. Michelon, “Descriptive, Instrumental and Strategic Approaches to Corporate Social Responsibility: Do they Drive the Financial Performance of Companies Differently?”, Accounting, Auditing and Accountability Journal, 26(3): pp. 399-422.

(2013) Michelon G., Boesso, G. and K. Kumar, “Examining the link between Strategic Corporate Social Responsibility and Company Performance: an Analysis of the Best Corporate Citiziens”, Corporate Social Responsibility and Environmental Management, 20(2): pp. 81-94

L’attività di ricerca sviluppata ha interessato quattro aree che sono qui presentate come distinte, anche se caratterizzate da proficue e significative interazioni. Le domande di ricerca individuate nell’ambito di ciascuna area sono state trattate sia da un punto di vista teorico che empirico.

Aree principali:
1.Comunicazione volontaria e responsabilità sociale nelle imprese quotate
2.Filantropia strategica e meccanismi di pianificazione e controllo nelle fondazioni

Altre aree di interesse:
3.La comunicazione socio-ambientale per le imprese del trasporto locale
4.Politiche sociali e meccanismi di pianificazione e controllo nel settore pubblico

Comunicazione volontaria e responsabilità sociale nelle imprese quotate
Analisi delle misure di prestazione non obbligatorie inserite nei bilanci d’esercizio e delle determinanti che influenzano le decisione dei manager relativamente alla comunicazione volontaria d’impresa e alla responsabilità sociale. La ricerca si pone l’obiettivo di monitorare la situazione in Italia e compararla con l’estero (principalmente USA) per poi verificare se il volume e le caratteristiche delle misure di prestazioni comunicate siano riconducibili a variabili generali di contesto (pressione competitiva, grado di organizzazione degli stakeholder, ecc.) e caratteristiche specifiche dell’impresa (dimensione, settore, ciclo di vita, variabili culturali, ecc.).

Filantropia strategica e meccanismi di pianificazione e controllo nelle fondazioni
L’analisi riguarda il censimento degli strumenti di pianificazione strategica, governo e controllo adottati dalle Fondazioni di Origine Bancaria e dalle altre Fondazioni private d’erogazione in Italia. Le esperienze locali sono state studiate utilizzando modelli teorici nazionali ed internazionali finalizzati ad aumentare l’efficacia delle prestazioni economiche e sociali di queste organizzazioni. Obiettivo del progetto è quindi individuare aree di miglioramento e proposte operative al fine di aumentare l’approccio manageriale alle attività filantropiche.

La comunicazione socio-ambientale per le imprese di trasporto locale
Obiettivo di questa ricerca è verificare l’adozione di modelli di comunicazione delle prestazioni riconducibili alla rendicontazione sociale. Lo studio viene condotto analizzando i documenti obbligatori e volontari con cui le aziende del trasporto locale socializzano le proprie prestazioni non-finanziarie, partendo dal presupposto che a fronte di diversi possibili documenti (carta dei servizi, bilancio sociale ed ambientale, ecc.) l’ampiezza ed il dettaglio delle informazioni comunicate possano variare in funzione della sensibilità del management alle tematiche della Corporate Social Responsibility.

Politiche sociali e meccanismi di pianificazione e controllo
Un primo filone di studio analizza l’imposta sul reddito delle persone fisiche in Europa; un secondo filone le politiche dell’housing sociale adottate in Europa ed il ruolo degli osservatori sulla condizione abitativa all’interno di un ipotetico sistema di controllo e gestione delle politiche sociali. In particolare, ci si interroga sulle possibili linee innovative sia negli strumenti d’intervento sia nel processo di public management che governa le politiche stesse. L’analisi delle esperienze internazionali permette di discutere nel dettaglio le variabili operative a disposizione del decisore pubblico.