News: Eventi

Le trasformazioni dell'impresa e del lavoro. Luciano Gallino, Olivetti e le scienze dell’organizzazione

Sala delle Edicole, Piazza Capitaniato 3, Padova

29.05.2017

Quale può essere il ruolo della gestione e progettazione organizzativa di fronte alle grandi questioni della società italiana?

Il seminario di lunedì 29 maggio ore 15, Sala delle Edicole (Piazza Capitaniato, Padova), a partire dalla presentazione del numero monografico di Studi Organizzativi dedicato a Luciano Gallino, affronta i temi della trasformazione del lavoro e dell’impresa: sullo sfondo, le innovazioni che Gallino realizzò alla Olivetti e i suoi studi seminali sulla sociologia dell’organizzazione; in primo piano, le sfide contemporanee del lavoro e delle imprese.

La gestione e progettazione organizzativa non è ancillare alle politiche pubbliche, al genio imprenditoriale, alle scelte strategiche, alla gestione manageriale quotidiana, ma una componente chiave per il buon funzionamento di istituzioni, imprese e territori. Dopo il l’apice e il declino del taylor-fordismo e l’esperienza della sociologia dell’Olivetti, servono nuovi paradigmi e metodi per gestire le prossime sfide.

Quali?
Ne discuteranno: Federico Butera, professore emerito di Scienze dell’Organizzazione, Università Bicocca, Milano; Diego Campagnolo, professore associato di Organizzazione Aziendale, Università di Padova; Giovanni Costa, professore emerito di Organizzazione Aziendale, Università di Padova; Monica Fedeli, professoressa associata di Metodologie della Formazione e Sviluppo Organizzativo, Università di Padova; Martina Gianecchini, professoressa associata di Gestione delle Risorse Umane, Università di Padova; Paolo Gubitta, professore ordinario di Organizzazione Aziendale, Università di Padova; Daniele Marini, professore associato di Sociologia dei Processi Economici, Università di Padova; Angelo Pichierri, già ordinario di Sociologia dell’Organizzazione, Università di Torino; Adriana Topo, professoressa ordinaria di Diritto del Lavoro, Università di Padova

 

Per partecipare iscriviti qui (numero massimo di posti disponibili: 95)